Decesso: come comportarsi burocraticamente

In caso di morte di un proprio caro bisogna, come prima cosa, chiamare il medico curante che dovrà constatare il decesso. Successivamente, entro le 24 ore, deve essere resa la dichiarazione di morte all’ufficiale dello stato civile, del Comune di decesso. La dichiarazione di morte può essere fatta da un parente del defunto, oppure da qualsiasi persona informata. Solitamente se ne occupano le agenzie di onoranze funebri. I documenti da presentare al momento della suddetta dichiarazione sono i dati anagrafici del defunto e i documenti d’identità del dichiarante. Al momento della dichiarazione, inoltre, deve essere presentato il certificato necroscopico, che viene rilasciato dal medico necroscopo, ossia l’ufficiale sanitario dell’ASL competente. Senza questo certificato, non può essere rilasciato il permesso di seppellimento. Fatto tutto ciò, si procederà con il permesso di trasporto e il seppellimento della salma.

I costi da sostenere sono 2 marche da bollo per presentare l’istanza di sepoltura e per il rilascio d’autorizzazione. Gli altri costi sono quelli che i familiari dovranno sostenere per la tumulazione della salma e per il servizio funebre.

In caso di decesso in ospedale o in casa di cura

Quando il decesso avviene in ospedale o in una casa di cura, sarà la direzione sanitaria a comunicare la dichiarazione di morte all’ufficiale dello stato civile del comune di decenza. In questo caso i familiari non dovranno far altro che di contattare un’agenzia di onoranze funebri per le pratiche relative al trasporto della salma.

Sepoltura & Cremazione

Per la sepoltura bisogna recarsi in cimitero e verificare la disponibilità dei loculi (molte onoranze funebri a Roma sono costrette a farlo perché c’è un problema di mancanza di spazio nei cimiteri). Ovviamente chi ha una cappella di famiglia, di diritto verrà sepolto lì.

Ci sono degli oneri da pagare, che variano a seconda del loculo che si sceglie. Basta chiedere al responsabile dei servizi cimiteriali che daranno le giuste informazioni.

Trasporto salma: cosa si deve fare

Nel momento in cui l’ufficiale sanitario dell’ASL rilascia il permesso di seppellimento e il permesso di trasporto, la salma può essere trasportata in qualsiasi comune, qualsiasi regione italiana e anche all’estero.

Nel caso si voglia procedere alla cremazione occorre presentare un’istanza all’ufficio dello stato civile del comune di decesso. All’istanza va allegato un documento dal quale si desume la volontà del defunto di essere cremato. Può essere o un testamento redatto in forma olografa o con l’iscrizione ad una società di cremazione. Anche il familiare o il parente più prossimo, possono rendere una dichiarazione, dalla quale si desume la volontà del defunto di desiderare la cremazione.

Tags

MigliorPrezzo.it: guida al sito di comparazione dei prezzi

Il confronto prezzi è ormai una delle abitudini più consolidate tra gli utenti del web che si dilettano a fare shopping online. Ora a loro disposizione c'è una novità, denominata Miglior Prezzo: si tratta di un sito che permette di acquistare una grande varietà di prodotti approfittando del prezzo più basso tra tutti quelli che si possono trovare su Internet, tra i vari e-commerce della Rete. Gli utenti del portale hanno la possibilità di scegliere tra centinaia e centinaia di articoli: l'assortimento di proposte è molto ampio e altrettanto eterogeneo, tale da assecondare le esigenze più diverse. Per trovare un prodotto specifico, è possibile effettuare una ricerca ad hoc, digitando direttamente il suo nome, o cercarlo tra i marchi e tra le categorie.

A questo punto è la volta del confronto prezzi: i vari articoli possono essere messi a confronto, valutati ed esaminati nel dettaglio, anche grazie all'aiuto fornito dalle recensioni che sono state messe a punto dalla redazione di www.migliorprezzo.it. Individuare gli articoli che offrono il rapporto qualità prezzo più conveniente è un gioco da ragazzi, e in men che non si dica si può usufruire delle risposte di cui si è in cerca, in pochissimi clic. Se il comparatore prezzi offre prodotti invitanti, non rimane altro da fare che procedere al loro acquisto. Ovviamente non si è obbligati a comprare nulla, ma vale la pena di tornare costantemente a far visita a Migliorprezzo.it, dal momento che gli aggiornamenti sono costanti e ci sono sempre offerte inedite che meritano di essere scoperte.

Ma quali sono i prodotti che si possono trovare grazie a MigliorPrezzo.it? La varietà è tale che non può essere racchiusa in poche righe: dagli aspirabriciole alle piscine gonfiabili da mettere in giardino, dai frullatori a immersione agli accessori per il barbecue, dai tagliabordi per le aiuole ai televisori, ci sono proposte di qualsiasi genere e per tutte le tasche.

Le schede prodotto a corredo di ogni articolo rappresentano un prezioso supporto informativo che consente ai potenziali acquirenti di informarsi in modo completo e dettagliato a proposito di ciò che stanno per comprare, ma non mancano i video e le recensioni. Insomma, www.migliorprezzo.it è il sito più affidabile su cui si possa contare per lo shopping online: il portale partecipa al programma di affiliazione di Amazon, e offre molteplici vantaggi.

Si immagini, per esempio, di essere interessati a comprare una cyclette: non bisogna far altro che cliccare sulla sezione dedicata agli articoli sportivi e poi su quella delle cyclette. A questo punto si finisce in una pagina in cui vengono messi in evidenza i pregi e le caratteristiche più interessanti di questo attrezzo, con una guida che permette di capire qual è il prodotto più appropriato per le esigenze che gli utenti devono soddisfare. Quindi, scorrendo verso il basso, compaiono i vari modelli: cliccando sulle varie schede si può avviare la comparazione delle funzionalità e delle caratteristiche degli articoli a disposizione. Sempre restando all'esempio delle cyclette, sono forniti punteggi per la valutazione della pedalata, della stabilità, della praticità, della qualità costruttiva e del design. 

Tags

Vacanza in Cina: connettersi ad internet senza problemi

Una delle prime domande che si pongono i turisti in viaggio verso la Cina è se lo smartphone funzionerà e se sarà possibile connettersi in modo rapido e stabile nel corso della loro vacanza.

Insieme a Traduzione.it che fornisce traduzioni per la Cina come per esempio documenti per il turismo o documenti relativi all'ambasciata cinese, vedremo cosa cambia quando si parla di internet. 

Il blocco di internet in Cina: connessioni lente e siti bloccati

Internet è disponibile nel paese e, come per le altre zone del mondo, ristoranti, musei e luoghi pubblici offrono la possibilità di utilizzare una connessione gratuita. C’è un però, infatti in pochi sanno che la connessione pur essendo disponibile e fruibile senza costi non sempre è stabile e veloce e, soprattutto, talvolta non è possibile accedere ai social network più famosi come Instagram e Facebook o utilizzare i maggiori motori di ricerca come Google. Niente paura, questo accade perché sono necessari i VPN (una rete di connessioni private) per accedervi e quindi il problema, che per molti appare insormontabile, è in realtà risolvibile.

Chiaramente chi decide di visitare la Cina deve informarsi bene su quello che si può o meno utilizzare, WhatsApp ad esempio è bloccato e di fatto non funzionante come anche i servizi di Google tipo Maps, Drive, Gmail. Anche i dispositivi targati Google non funzioneranno. Questo non deve spingere a rinunciare ad una vacanza indimenticabile, piuttosto bisogna attrezzarsi per essere preparati con delle soluzioni alternative.

Soluzioni pratiche per godersi una vacanza connessi

La prima cosa da fare, non potendo utilizzare Google, è scegliere un altro motore di ricerca. In questo senso è possibile optare per Bing, si tratta di una piattaforma più che affidabile e comunque molto utilizzata anche in Italia. Per le mail è possibile utilizzare GMail con client diretti grazie alle connessioni POP e IMAP, questi comunque potrebbero non funzionare in modo eccellente, per tale motivo è utile affidarsi ad Outlook per leggere ed inviare le proprie email e per custodire i propri ricordi nel cloud.

Per avere accesso ai siti internet stranieri nel corso della permanenza, come accennato, è possibile utilizzare i VPN. Questi servizi in sostanza mascherano l’indirizzo IP del dispositivo, cosicché non sia più identificabile come proveniente dall’Europa. I VPN possono essere gratuiti o a pagamento, comunque è sempre meglio scegliere prodotti di qualità per un servizio stabile e durevole.

Nel corso della vostra avventura sicuramente noterete i prezzi particolarmente economici dei dispositivi elettronici, massima attenzione! Molti di questi infatti una volta giunti in Italia potrebbero non funzionare affatto, quindi non fatevi ingannare dall’acquisto ‘facile’ e scegliete souvenir di diverso tipo.

Tags

Imballaggi industriali e di qualità

La Tanks International S.r.l. è un’azienda di Verdello, in provincia di Bergamo, che si occupa di imballaggi industriali, di varie forme, misure, materiali e dimensioni, in base alle esigenze del cliente. Ma in cosa consiste un imballaggio industriale? Essenzialmente, gli imballaggi industriali sono il packaging sfruttato dalle aziende per il trasporto dei prodotti in giro per il mondo; a volte, la confezione standard non è sufficiente per una certa categoria di prodotti, motivo per cui risulta necessario assicurarsi che il proprio bene sia al sicuro, in modo che questa possa giungere a destinazione nelle giuste condizioni. Gli involucri e le carte standard non possono proteggere dalle condizioni difficili, in particolare quelle termiche, atmosferiche e chimiche, dai lunghi tempi di conservazione e dai danni ambientali a cui sono esposti i prodotti industriali, quindi avere la giusta protezione per i prodotti è essenziale per mantenere la qualità e la coerenza.

Gli imballaggi industriali si differenziano dagli altri tipi di imballaggio per quanto riguarda il livello di protezione che offrono, in virtù del materiale di cui sono composti. Si presta, infatti, particolare attenzione allo spessore e alla resistenza del materiale utilizzato, nonché alla chiusura e ai meccanismi di bloccaggio sicuri, di modo che i prodotti in essi contenuti possano preservare le caratteristiche garantite ai clienti. L’imballaggio industriale deve inoltre dare la priorità alla conservazione del prodotto per lunghi periodi di tempo durante lo stoccaggio, mantenendo il prodotto ermeticamente chiuso e privo di contaminazioni esterne. I materiali di imballaggio industriale includono acciaio inox, ferro, plastica e lamiere, fra gli altri, volti a garantire la sicurezza dei prodotti contenuti all’interno di questo involucro di protezione. Infatti, gli imballaggi industriali della Tanks International soddisfano gli standard internazionali di imballaggio, come ad esempio la norma ISO 9001:2000, così come i requisiti di controllo qualità dei paesi di produzione e destinazione.

La Tanks International è una solida realtà presente nell’entroterra della provincia di Bergamo, specializzata in imballaggi industriali dei più svariati materiali, come ad esempio fusti in acciaio inox, cisterne e taniche in plastica, secchielli e barattoli in lamiera; questi prodotti garantiranno la massima resistenza, come testimonia il nostro stesso nome: produciamo imballaggi industriali resistenti come un carro armato! Già buttando un occhio alla home del sito dell’azienda, http://www.tanksinternational.it, potrai metterti in contatto con gli esperti della società: ti basterà esporre le tue richieste, esponendo le necessità fondamentali nell’imballaggio dei tuoi prodotti, e la Tanks International ti offrirà la soluzione ideale, al giusto prezzo! Inoltre, quest’azienda può prendere in carico ordini su misura, senza alcun problema: ti basterà cliccare sulla sezione fusti in metallo custom, sul sito dell’azienda.

Contattando la Tanks International, tuttavia, sarà possibile effettuare ordini customizzati anche di altri materiali, oltre al metallo. Oltre agli imballaggi statici e resistenti, in materiali pesanti, sono infatti disponibili imballaggi flessibili; nessuna sfida non può essere affrontata dalla Tanks International. Se vorrai dare un’occhiata alla vasta gamma di prodotti offerti, può risultare interessante esplorare la photogallery presente sul sito, disponibile al seguente link: http://www.tanksinternational.it/it/photogallery, per poterti formare un’idea ulteriore sulla qualità dei prodotti offerti dall’azienda. Attualmente, inoltre, la Tanks International è alla ricerca di partners commerciali per la distribuzione, ed offre promozioni valide sia per i clienti che per i fornitori, ideali per grandi ordini o per lo stoccaggio di grandi prodotti. Se stai cercando una garanzia per assicurare le caratteristiche dei tuoi prodotti, anche per lunghe traversate o per lunghi periodi di tempo, gli imballaggi industriali offerti dalla Tanks International sono il meglio che tu possa desiderare!

Narcos 4, quando esce la nuova stagione e chi ci sarà nel cast

Narcos 4, quando esce la nuova stagione e chi ci sarà nel cast

Narcos è una delle serie tv più fortunate e seguite degli ultimi tempi. Giunta ormai alla sua quarta stagione, Narcos in streaming ha la capacità di tenere incollati milioni di fan in tutto il mondo al proprio pc. Ma quando esce Narcos 4? Presto, anzi prestissimo e per la precisione la prima puntata sarà trasmessa su Netflix il 16 novembre 2018. L’ambientazione lascia per la prima volta la Colombia e il cast sarà del tutto nuovo. La prima puntata di Narcos è stata trasmessa nel 2015 e oggi la serie tv si rivela una delle più amate in tutto il mondo.

Narcos 4: le anticipazioni della quarta stagione

Pablo Escobar ci ha lasciati già alla fine della seconda stagione, motivo per cui nella terza stagione di Narcos sono stati presentati nuovi personaggi e il cartello di Cali, addirittura peggiore di Escobar. Da qui la storia si è fatta più intrigante che mai con la caccia ai trafficanti di droga da parte degli agenti della DEA. Ora restiamo in trepidante attesa della quarta stagione che si posta in Messico e si concentra sui cartelli messicani e sulla vicenda di El Chapo.

Narcos 4: chi ci sarà nel cast

Anche Narcos 4 registra new entry nel cast, dopo alcuni abbandoni e la nuova storia incentrata sul cartello di droga messicano. La brutta notizia è che dovremo prepararci per dire addio alla maggioranza dei personaggi della terza stagione e in particolare a Pedro Pascal, alias Javier Peña. La buona notizia, comunque, è che avremo nuove star da amare. Ma vediamo più nel dettaglio i nuovi personaggi. Cominciamo da Diego Luna, un nome nuovo, ancora misterioso in merito al ruolo che gli sarà assegnato nella serie. Accanto a lui ci sarà Michael Pena, messicano e già conosciuto negli Stati Uniti. Altro attore messicano è anche Tenoch Huerta Mejìa, famoso per la sua partecipazione a diverse serie tv messicane e spagnole. Tra i big del nuovo cast troviamo Joacquin Cosio, attore e sceneggiatore teatrale. Nella quarta stagione rivedremo Jose Maria Yazpik. New entry è invece Teresa Ruiz, una delle attrici messicane più conosciute, così come Alyssa Diaz già nota negli USA per la sua partecipazione alla soap opera CBS.

Narcos in streaming: dove vederlo

Anche per questa quarta stagione di Narcos, tutto lo streaming sarà visibile direttamente su Netflix, trattandosi di una serie originale ed esclusiva Netflix. Questo vuol dire che la serie tv non è disponibile su altre piattaforme, ma occorre un abbonamento mensile a Netflix.

Tags

Ristrutturare casa

Ristrutturare casa

La scelta di ristrutturare la propria casa non è mai semplice da prendere e t anto meno da realizzare, spesso la percepiamo come una necessità perché magari si trova nelle stesso condizioni da un po’ di tempo ma dall’altro lato tale attività richiede un grosso investimento in denaro e tempo.
Quando si effettuano tali lavori una delle questioni che sembra ‘’sorgere spontanea’’ è quella legata alla tipologia di infissi da installare nell’abitazione e ad oggi la scelta è relativamente ampia.
Infissi in PVC, legno o alluminio rappresentano le soluzioni più gettonate poiché offrono dei pro e dei contro che potrebbero fare al caso vostro, la scelta va però ponderata affinché risulti coerente con la propria abitazione.  Ogni soluzione presenta i suoi vantaggi e i suoi svantaggia cui è meglio dare un’occhiata prima di procedere all’acquisto.

Legno

Il legno, prima utilizzata come unica alternativa per i serramenti di un’abitazione, rappresenta un materiale ricercato per via delle nuove tecniche di realizzazione quali l’essicazione artificiale, l’utilizzo di nuove vernici di qualità e processi in grado di garantire diversi anni di buon funzionamento.
In linea di massima il legno rappresenta un elemento di arredo molto richiesto e garantisce un’elevata qualità estetica. Per via della trasmittenza piuttosto bassa, gli infissi in legno risultano particolarmente isolanti dal punto di vista termico rendendosi  una valida alternativa per il risparmio energetico.
Il legno, però, è un materiale delicato soprattutto se i vostri infissi si trovano costantemente esposti al sole e agli altri agenti atmosferici senza specifiche protezioni, pertanto esso andrà periodicamente riverniciato per la sua protezione e per garantire la presa estetica tipica di questa tipologia.
Affinché siano garantite tutte le proprietà il legno andrà curato e nutrito con prodotti specifici che lo aiutino ad avere una lunga vita limitandone i problemi legati all’usura.
I prezzi relativi a questa tipologia di infissi non sono troppo elevati come spesso si crede ma richiedono un investimento sia in termini economici che di manutenzione, ma le sue qualità lo rendono un’ottima scelta.
 

PVC

Il PVC è un materiale plastico e versatile, ma allo stesso tempo completo al punto tale da caratterizzarsi come una delle soluzioni più interessanti. Quelli  realizzati da AeP, un’azienda che si occupa di infissi in PVC a Roma, garantiscono un buon livello di isolamento acustico e termico adatto per quelle zone molto rumorose o fredde.
La particolarità che attira più clienti, però, riguarda la sua estetica, tali infissi, infatti, possono essere realizzati con finiture e verniciature anche differenti tra loro risultando adatte a qualsiasi design.

Tags

Instagram, quali sono e come funzionano i nuovi Superzoom

Il Superzoom è uno degli effetti Instagram più utilizzati nelle Stories, le brevi sequenze audio-video della durata massima di 15 secondi e che si cancellano automaticamente dopo 24 ore dalla loro pubblicazione.

Le Stories sono state lanciate da Mark Zuckerberg due anni fa e sono state continuamente migliorate e aggiornate nel tempo con funzionalità adatte a renderle sempre più accattivanti. Tra le ultime, in ordine cronologico, la possibilità di inserire simpatiche GIF o la propria musica preferita di sottofondo, nonché di sottoporre ai propri follower dei sondaggi.

I Superzoom sono stati integrati lo scorso ottobre ed hanno avuto subito un grande successo, divenendo una delle funzionalità più popolari ed utilizzate dagli utenti, non solo i personaggi pubblici. Come suggerisce il nome, servono ad ingrandire una parte dell’immagine, enfatizzando un dettaglio o ponendo l’accento su un elemento.

Un modo per attirare simpaticamente l’attenzione, insomma, e pubblicare qualcosa di più completo di un semplice video parlato. Infatti, i Superzoom si compongono sia di dettagli grafici che di una musica a tema, di accompagnamento. Hanno una durata di circa 3 secondi.

Inizialmente, al primo rilascio della feature, erano quattro: Molla, Suspance, TV, Beat e Sorpresa. Adesso, ci si potrà divertire con sei nuovi effetti Superzoom, sia grafici che sonori, già disponibili sia per iOS che per Android, che si vanno ad aggiungere ai quattro tradizionali.

I sei nuovi Superzoom

Tramite un menu a scorrimento orizzontale l’utente può scegliere quale Superzoom inserire nella propria storia. Ciascun effetto è contraddistinto da un’icona (stavolta più piccola e tondeggiante delle precedenti) che ne richiama il nome e la scelta è accompagnata da una leggera vibrazione.

Paparazzi: una sequenza di scatti di diverse macchine fotografiche vi farà sentire come Bella Hadid sul red carpet di Cannes o come Rihanna paparazzata mentre fa shopping in città; oggetto dell’attenzione di decine di fotografi pronti ad immortalarvi.

Sorpresa: un simpatico effetto cartoon ingrandisce il dettaglio desiderato (un volto, un paesaggio, un oggetto) rendendolo una sorta di fumetto.

Tristezza: musica malinconica e foglie secche accompagnano questo Superzoom dai toni decisamente autunnali adatti per situazioni davvero molto tristi.

Fuoco: su una musica rock di sottofondo, la schermata è come se prendesse fuoco, con le fiamme che si espandono dai quattro angoli dello schermo. Superzoom adatto a comunicare qualcosa di davvero incandescente!

Proprio no: una X gigante potrà contrassegnare tutto quello che non vi va giù o non vi piace, per far sapere ai vostri amici il vostro disappunto in qualsiasi situazione.
Cuori: musica dolce e tonalità del rosa, insieme ad una pioggia di cuoricini, caratterizzano questo Superzoom che è decisamente il più romantico di tutti.

Le novità future

Ad oggi Instagram in Italia conta circa 19 milioni di utenti attivi ogni mesi: solo un anno fa erano 14 milioni. Questa crescita fa pensare che la prossima evoluzione dell’app potrebbe essere l’e-Commerce, per acquistare prodotti direttamente dai post pubblicizzati o da quelli pubblicati dai profili dei diversi marchi. Una sorta di IG Shopping insomma. Inoltre sarebbe in programma tra gli upgrades anche una feature che consentirà agli utenti di stimare il tempo trascorso sull’applicazione.

Come aprire un’azienda agricola: il business plan

Come si apre un’azienda agricola? Quali sono i requisiti indispensabili? Il primo passaggio burocratico è il riconoscimento (da parte della Regione) della qualifica di “Imprenditore agricolo professionale” (Iap), figura nata nel 2004. Questa attestazione si consegue dimostrando una serie di competenze e conoscenze professionali specifiche, dalla frequenza di corsi di formazione all’esercizio dell’attività da almeno un triennio.

Oltre agli adempimenti legali, però, per avviare un’impresa agricola bisogna anche attuare una serie di strategie per trasformare l’idea in un progetto di successo. Il business plan è lo strumento giusto per capire come avviare l’attività, come ridurre i rischi d’impresa e come pianificare tutti gli step.

Il piano di impresa, infatti, è un documento completo sotto tutti i punti di vista: illustra nel dettaglio l’idea da attuare e fornisce gli elementi per valutarne la fattibilità e le potenzialità. È utile sia per l’analisi iniziale che per il controllo in itinere del progetto, per vigilarne l’andamento e il raggiungimento degli obiettivi.

Consente di evitare effetti disastrosi derivanti da una cattiva gestione, da costi d’impresa mal calcolati o altri errori magari grossolani in cui è facile incorrere. Nulla deve essere lasciato al caso quando si mette su un’impresa, per questo il business plan deve includere tutti gli aspetti e le caratteristiche dell’attività, quelle positive, quelle negative, quelle su cui lavorare, quelle problematiche.

Per approfondire in tema di business plan per aziende agricole vedere su Softwarebusinessplan.it.

Business plan: costi e gestione

Il business plan di un’azienda agricola non è utile solo all’imprenditore, ma anche a eventuali finanziatori, soci o investitori. Infatti, l’obiettivo iniziale più importante, nell’aprire un’azienda agricola è ridurre al minimo i costi d’impresa. Qualora il proprio capitale risultasse insufficiente a coprire il fabbisogno aziendale si potrebbe optare per un prestito. Assolutamente da tenere in considerazione sono anche le agevolazioni dell’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) che mette a disposizione aiuti e finanziamenti soprattutto per i giovani, per promuovere il ricambio generazionale.

Il business plan quindi in questo senso è indispensabile per capire, economicamente, la situazione di partenza e la sua evoluzione. In quest’ottica, uno degli elementi essenziali è l’analisi del mercato, per rendersi conto di che tipo di domanda c’è e in quale canale è meglio inserirsi per proporre la propria offerta. Un target di potenziali clienti ben individuato è un grande punto a favore. Avere un target significa avere chiari anche i propri competitors.

Conoscere il mercato consente anche di restringere il campo in merito a ciò su cui è meglio concentrarsi per la vendita e la distribuzione. Nello specifico dell’azienda agricola, il tipo di coltura: frutta da tavola, ortaggi, cereali, vini. E ancora, coltivazioni in campo aperto o in serra, coltura biologica o industriale, agriturismo o fattoria didattica.

Un’impresa agricola ha una serie di macchine essenziali che bisogna necessariamente includere tra i costi. A questi vanno aggiunti i costi di un deposito, di un ufficio, di un’eventuale serra e poi ovviamente poi ci sono le spese relative al personale, agli addetti del marketing e alla pubblicità. Una buona promozione sui giusti canali è una marcia in più da sfruttare.

Essenziale è la figura del fornitore, perché da lui dipenderà non solo la qualità del prodotto ma anche il suo prezzo.

Tipografia online il trionfo del fai da te

Il mercato si evolve, gusti e tendenze cambiano. E cambia anche il modo di fare shopping. Gli acquisti si fanno sempre più con un click, in qualsiasi giorno e a qualsiasi ora. Non solo abiti, scarpe, biglietti aerei e libri. Su internet oggi puoi comprare di tutto e richiedere servizi che un tempo erano affidati esclusivamente ad esercizi fisici. Oggi spopolano, per esempio, le tipografie online, un’ evoluzione necessaria e dettata dai ritmi del nuovo millennio. Le tipografie storiche resistono, specialmente nelle città universitarie o nelle metropoli ma è sempre più dura resistere alla concorrenza spietata dell’alter ego virtuale. Raggiungibile da chiunque e in qualunque parte del mondo.

Che cosa è
Una tipografia online presta servizi alle aziende (ma ovviamente anche ai singoli) che hanno bisogno di stampare i materiali più svariati (dai biglietti da visita ai cartelloni pubblicitari, dalle magliette per il torneo sportivo alle tesi di laurea) in tempi brevi e a un prezzo molto competitivo. Il trend è in ascesa e sulla piazza l’offerta è veramente ampia e variegata.

Come si fa
L’approccio dal negozio fisico al virtuale non è tanto diverso: basta avere le idee chiare ed un minimo di confidenza con l’utilizzo del computer. Ormai tutti i brand si avvalgono di applicazioni intuitive che guidano l’acquirente, passo dopo passo, fino al completamento della procedura di acquisto. Puoi trovare quello che fa al caso tuo utilizzando i principali motori di ricerca ma può anche capitare qualche buona offerta sfogliando le bacheche dei principali social network come Facebook o Instagram. Inoltre attraverso la registrazione sul sito e permettendo l’invio di newsletter periodiche si possono ricevere sconti e promozioni dedicate.

I pro e i contro
Ma quali sono i vantaggi e gli svantaggi di questo tipo di servizio? Il plus valore del servizio è innanzitutto il risparmio di tempo. Vuoi mettere il vantaggio di poter scegliere comodamente dall’ufficio o da casa? Selezionando le ampie soluzioni offerte dai cataloghi online si ha l’opportunità di vedere realizzato il prodotto finito in tempo reale senza richiedere preventivi e soprattutto si evitano code e traffico. Se poi ci metti anche l’attenzione per l’ambiente il gioco è fatto. Se da un lato strizzano l’occhio gli ambientalisti (meno auto, meno carta, meno inquinamento ) dall’altro troviamo gli scettici. Fidarsi a scatola chiusa non è sempre facile ma diverse aziende ormai si avvalgono di garanzie ad hoc per attirare ed accontentare i clienti più perfezionisti ed esigenti. È importante poi accertarsi dei tempi e dei costi di consegna (alcuni servizi permettono al cliente di stampare direttamente senza dover ricorrere alla spedizione). Infine le modalità di pagamento devono essere sicure e tracciabili e permettere a chi acquista di utilizzare le principali carte di credito o di debito o di usufruire del contrassegno. Prima di affidare i propri dati (e soprattutto i propri soldi) a terzi potrebbe essere utile cercare qualche informazione su internet. Spesso recensioni verificate e certificati di attendibilità aiutano il cliente nella scelta definitiva.

Maggiori consigli e suggerimenti per utilizzare la tipografia online visita questo sito.

Aprire un negozio di bigiotteria

L’origine della bigiotteria si trova nel teatro, ambiente in cui è necessario riprodurre gioielli di altissimo valore con costi estremamente ridotti. Da qui nasce l’attività di bigiotteria che poi si è trasferita in attività commerciali rivolte al grande pubblico, soprattutto grazie al basso prezzo di gioielli e accessori di abbigliamento che spesso sfidano per estetica e qualità articolo di gioielleria molto più costosi.

Oggi la crisi non lascia spazio ad errori ed è quindi opportuno considerare in partenza alcuni fattori fondamentali.

Primo la produzione, che dovrà essere diversificata al massimo ed al contempo proporre oggetti di qualità. Attenzione quindi al luogo di produzione, dato che molto spesso gli articoli di bigiotteria prodotti in paesi con diversa normativa potrebbero risultare non conformi o non vendibili in Italia.

Secondo fattore da considerare è il margine. Dovendo essere molto ridotto per attuare un politica commerciale sufficientemente aggressiva, occorrerà puntare sui grandi numeri per assicurarsi una rendita sufficiente.

Terzo fattore, direttamente conseguente al secondo, sono i costi. Aprire un negozio di bigiotteria impone comunque costi fissi e una spesa iniziale tra arredamento e incombenze, che poi dovranno essere assolutamente controbilanciati da una vendita sufficiente.

In altre parole, dato che gli articoli sono tutti a basso costo (tranne alcune eccezioni nel caso di bigiotteria di alta qualità), i numeri da ottenere a livello di vendita sono tali da non consentire distrazioni.

Meglio quindi diversificare l’offerta, affiancando alla bigiotteria di basso rango anche articoli prezzo medio e alto, in modo da garantirsi, anche tramite strumenti di marketing appositamente sviluppati, la possibilità di marginalità elevate su alcuni articoli che possano dare quel tampone di entrate in più.

Volendo, si può anche pensare ad negozio di bigiotteria d’autore, dove gli articoli a basso costo sono la minoranza mentre sono invece molti gli articoli di alta o altissima qualità che quindi possono essere venduti a prezzi superiori determinando marginalità più elevate. In questo caso però attenzione perché anche i costi di approvvigionamento si alzeranno proporzionalmente.